Ammirare...

la vista panoramica

dal Monte Dol
Vue En Drone Le Mont Dol Alexandre Lamoureux 1030Vue En Drone Le Mont Dol Alexandre Lamoureux 1030
©Vue En Drone Le Mont Dol Alexandre Lamoureux 1030|alexandre lamoureux
Siete pronti? La ricompensa è in cima!

 

Un must-have

ad un'altitudine di 65 metri!

Questa visita imperdibile nel Pays de Dol e nella baia di Mont-Saint-Michel, ci porta a 65 metri di altitudine e ci offre uno dei panorami più belli di tutta la regione.Una vista mozzafiato sulla baia di Mont-Saint-Michel, sulle paludi e sulla città di Dol-de-Bretagne. È qui che si può comprendere meglio il paesaggio e la topografia del nostro territorio. In passato, il mare ricopriva completamente le paludi di Dol, che possono essere distinte in due modi: le paludi bianche, costituite in gran parte da sedimenti marini, a nord, e le paludi nere, ricche di torba, a sud. Questa palude si estende per quasi 1.200 ettari.

Per godere appieno dell’esperienza del “Mont-Dol”, la salita è d’obbligo!

Si consiglia l’accesso a piedi dal parcheggio del mercato, sotto la chiesa di Saint-Pierre. Un breve giro nella chiesa di Saint-Pierre, vi metterà in condizione di salire al cielo. All’interno di questa chiesa risalente al XII e al XV secolo, potrete osservare una navata con volta a botte, archi a sesto acuto, ma anche e soprattutto dipinti murali risalenti al XV secolo, relativi alla Passione di Cristo. L’ultimo affresco, che non fa parte del ciclo della Passione, ci offre un’immagine spaventosa dell’Inferno. Il Diavolo ha lasciato il suo segno qui, ma anche altrove avremo l’opportunità di scoprirlo… Non preoccupatevi, è stato scacciato da questo luogo molto tempo fa!

Iniziamo la nostra passeggiata. Le pause sono consentite durante questa salita, solo per ammirare il magnifico panorama o per riprendere fiato!”Il sentiero ci conduce in un’oasi di pace. In mezzo ai suoi amici verdi, un castagno di trecento anni piantato nel XVII secolo da un canonico, fratello di Monseigneur Thoreau, vescovo di Dol dal 1661 al 1692, è una tappa obbligata. 300 anni, questo albero straordinario ha una circonferenza di 12 metri!

La Torre di Notre-Dame e la Cappella della Speranza

Arrivati in cima al tumulo, la nostra esplorazione può iniziare in pienezza e con panorami. I nostri occhi si dirigono verso la Torre di Notre-Dame, che domina questo sito eccezionale. Fu benedetta nel 1857. È possibile raggiungere la cima di questa torre, da cui si gode di una magnifica vista sulla baia di Mont-Saint-Michel. Ai piedi della Torre di Notre-Dame, la Chapelle de l’Espérance (Cappella della Speranza), con il suo piccolo campanile in pietra, è costruita sulle fondamenta di un vecchio telegrafo Chappe, utilizzato in passato come sistema di comunicazione sulle linee Parigi-Brest. A pochi metri dalla torre si trovava anche un’antica cappella. Nel 1788, l’abate Rever, visitandolo allora in rovina, scoprì che le tavole dell’altare erano in realtà due grandi pietre tauroboliche, resti di un tempio pagano risalente all’occupazione romana.

Il vento ci conduce poi al Moulin du Tertre

Questo mulino a vento, edificio iscritto nel repertorio dei Monumenti Storici, è l’unico ad aver conservato il suo meccanismo interno. Costruito nel 1842, ha smesso di funzionare dopo la seconda guerra mondiale. Dopo la riparazione del tetto in castagno, ha riacquistato le sue ali nel 1995. Nel XIX secolo, 56 mulini di questo tipo giravano con il vento sulla costa.

Le leggende

A proposito di ali, conoscete le leggende del Mont-Dol? E in particolare la lotta dell’Arcangelo Saint-Michel contro il Diavolo? Si dice che l’Arcangelo Saint-Michel abbia conquistato Mont-Dol dopo una dura lotta con il Diavolo. Vicino alla cappella, sul bordo dell’altopiano, un’imponente roccia presenta una cavità sulla faccia anteriore: secondo la leggenda, si tratta del Seggio del Diavolo. Un altro mistero è che un po’ più in basso sulla collinetta c’è uno stagno. Un laghetto che non si prosciuga mai e la cui fonte d’acqua rimane un mistero… Lo lasciamo alla vostra immaginazione! L’Arcangelo Saint-Michel e il Diavolo non sono stati gli unici ad apprezzare le alture del Mont-Dol. Il Mont-Dol ha sempre attirato l’interesse di molti visitatori. Chateaubriand, da adolescente e studente del collegio di Dol, vi si recava per le passeggiate del giovedì lungo lo Chemin Vert. L’autore di “Mémoires d’Outre-Tombe” ha sottolineato l’atmosfera misteriosa e magica dell’ambiente: “Dalla cima di questo monticello isolato, l’occhio scivola sul mare e sulle paludi dove, durante la notte, volano le mosche da fuoco”.Théodore Botrel cantava di Mont-Dol: “Mentre tu, vecchio solitario, restavi fedele e geloso, in piedi a rischio della terra, il Mont Saint-Michel della nostra casa…”. Il pittore Mathurin Méheut, molto ispirato, vi dipinse molti quadri.

Potete immaginare che non siamo i primi ad aver compiuto questa ascesa alla vetta!

Molto più antichi dell’epoca di Chateaubriand, i Mammut avevano fatto la loro casa sul Mont-Dol. Sì, i mammut, come Manny il mammut dell’era glaciale! Come noi, anche loro si godevano questo magnifico panorama della baia di Mont-Saint-Michel.110.000 anni fa, i cacciatori di Neanderthal scelsero questo luogo per costruire i loro rifugi e cacciare.I primi segni di occupazione umana e uno dei più grandi depositi paleolitici in Francia furono scoperti nel 1873, quando i cavatori sfruttarono il granito. Le dimensioni del deposito erano eccezionali: resti di una cinquantina di mammut, dodici rinoceronti lanosi, una cinquantina di cavalli, otto grandi cervi megaceri, dieci renne, quattro lupi, un orso, un leone, oltre a selci, punte musteriane, raschiatoi, ecc…

È ovvio, a Mont-Dol si arrampica!.

Finita la nostra ascesa, potete continuare a tenere i piedi per terra proseguendo la vostra passeggiata sulla Via Verde e pensare di essere studenti di François-René de Chateaubriand!

Un'avventura

Per scoprire i nostri 8 tesori conservati!

Chiudi