Ho fatto il test per voi ...

Laboratorio di scalpellino presso la CattedraleScope

SMBMSM - Laboratorio di taglio della pietra - maureen al lavoro (2)SMBMSM - Laboratorio di taglio della pietra - maureen al lavoro (2)
©SMBMSM - Laboratorio di taglio della pietra - maureen al lavoro (2)
Viaggi nel tempo nel Medioevo

Un pomeriggio con i costruttori di cattedrali alla CattedraleOscopo di Dol-de-Bretagne!

FotografoFotografo
Maureen

Marmista per un giorno!

Oggi, la missione che ho accettato è quella di tagliatore di pietre. Per me, che non sono agile con le mie dieci dita, la sfida è grande! Così vado alla CathédralOscope, a Dol de Bretagne, dove ho un appuntamento con Marc, maestro scalpellino e il suo “allievo” Olivier, che è anche il direttore di questo bellissimo museo dedicato ai costruttori di cattedrali.L’accoglienza è calorosa e bonaria.con scalpelli e burette da scultore, ma anche matite e squadrette che serviranno per disegnare i progetti scelti per il nostro futuro capolavoro.

La scelta del motivo

Olivier mi chiede quale disegno voglio realizzare e io scelgo, da brava bretone, un ermellino stilizzato. Ci mettiamo al lavoro. Non c’è il diritto di sbagliare! Ci viene data una pietra da tagliare, gli strumenti di base, cioè la matita e la squadra, e tracciamo il nostro modello. Olivier mi dà una mano per disegnare il mio ermellino, dato che sono un po’ tremante, all’idea di lavorare direttamente sul materiale.I miei piccoli compagni scelgono un triskel per uno e la lettera A per l’altro.Poi arriva il momento delicato in cui lasciamo cadere le penne per lo scalpello e l’ampolla!

L'arte della pazienza!

sono dati da Marc e Olivier, per comprendere appieno il gesto. Il controllo è perfetto e il gesto elegante e prezioso. Non sono sicuro di essere altrettanto bravo!” Attacco il mio motivo con pazienza e apprensione ma alla fine il gesto viene rapidamente domato e l’insieme prende una bella forma. Rapidamente i primi frammenti di pietra volano via, così come una fine polvere bianca, che si rideposita sulle nostre mani. Quindici minuti, poi trenta… i disegni prendono vita sotto le nostre mani. Ci vuole pazienza perché dobbiamo scolpire ma non troppo, dobbiamo mettere in rilievo, ma senza danneggiare il motivo… Nel grande cortile, i curiosi vengono a vederci, attratti dal suono delle nostre ampolle risonanti. Molto rapidamente, si informano e prenotano il loro posto per il prossimo workshop.

Dopo un’ora e mezza il lavoro è terminato. Marc e Olivier si occupano poi delle piccole rifiniture e disegnano con uno stilo i motivi floreali, le onde o altri simboli che abbelliranno la scultura di base e la renderanno così unica e personalizzata.Siamo quindi in possesso di un vero e proprio capolavoro che ora occuperà un posto d’onore sulle nostre scrivanie o su altre mensole del salotto!

Un'avventura

Scoprite i nostri tesori conservati!