-A +A

Châteauneuf-d’Ille-et-Vilaine

Sul territorio del Clos-Poulet

Si tratta indubbiamente di uno dei più importanti comuni del territorio storico battezzato Clos-Poulet, che si estendeva un tempo attorno a Saint-Malo e Cancale.

In effetti, la roccaforte di Châteauneuf, inserita nella lista dei Monumenti Storici francesi nel 1992 e costruita su uno sperone roccioso che svetta sulle paludi di Dol e sul fiume Rance e lungo l’antica strada romana che collegava Rennes e Corseul ad Aleth, costituiva la principale difesa meridionale della regione di Saint-Malo.

La prima fortezza, battezzata Bure, vide la luce nell’XI secolo. Più tardi, nel 1181, fu sostituita da un castello di pietra chiamato Castellum des Noës, che significa, letteralmente, “castello degli acquitrini” e che darà poi vita al toponimo Château Neuf. Nel corso degli anni, si deciderà di aggiungere “Ille et Vilaine” al nome del borgo per evitare di confonderlo con altri comuni eponimi.

Il borgo vero e proprio, situato all’interno del perimetro delle mura della fortezza, si è sviluppato ai piedi del castello, a nord, e attorno alla chiesa. Alcune case, visibili ancor oggi, risalgono al Cinquecento e alle guerre di religione; sono facilmente identificabili per la loro architettura tipica delle case in assito con muri tagliafuoco a sbalzo.

Chiesa Saint-Nicolas - Chateauneuf-d'Ille-et-Vilaine #saintmalotourisme

La chiesa Saint-Nicolas, costruita nel XV secolo e restaurata nell’Ottocento, è un’antica cappella feudale ampliata nel corso del XVII e XVIII secolo per accogliere i sempre più numerosi abitanti del borgo. Collocata al centro dell’attuale cimitero, la chiesa costituisce il secondo complesso parrocchiale più importante di tutto il dipartimento d’Ille-et-Vilaine dopo quello di Saint-Suliac.

A nord della fortezza, sorge il “piccolo castello”, edificato a metà del Seicento su un progetto primitivo che anticipa il futuro avvento delle celebri “malouinières”. L’edificio è stato inserito nella lista dei Monumenti Storici francesi nel 1992.

 

Creatrice di moda - Atelier d’artista - Chateauneuf-d'Ille-et-Vilaine #saintmalotourisme

Il cuore di questo piccolo borgo antico, rappresentato dalla Place du Marché, possiede ancora un vecchio mercato coperto, restaurato e successivamente convertito in “Halle aux Artistes”, al fine di accogliere numerosi artisti e far rivivere il centro città. Una giovane creatrice di costumi per spettacoli e abiti da matrimonio vi si è installata nel 2017.

Un secondo centro, più moderno, si è sviluppato a sud del castello a partire dal XIX secolo. Vi si nota la presenza di un oratorio ottocentesco dedicato a “Notre Dame de la Garde”, santa patrona di Marsiglia.

 

138 ettari - 1 600 abitanti