-A +A

Nel dietro le quinte di un ristorante stellato

Visita del ristorante "Le Saint-Placide"

portrait_la_baroudeuse_culinaire.jpg

Maud, l’avventuriera culinaria

Le Saint-Placide fa parte dei grandi ristoranti di Saint-Malo ed è stato premiato con una stella dalla guida Michelin! Mi aspetta una vera apoteosi gastronomica!

Io sono… una donna piena di vita, polivalente e avventuriera!

// La mia personalità…
Appassionata, curiosa, golosa, epicurea…
// Mi piace…
Viaggiare, osservare, ascoltare, accogliere gli amici e cucinare per loro…
// I miei peccati veniali…
Cioccolato, gelati, vino, falafel… la lista è troppo lunga!   
// E poi…
Vivo a Saint-Malo 

Maud, l’avventuriera culinaria

Nel dietro le quinte del “Le Saint-Placide”, ristorante stellato di Saint-Malo!

16 febbraio 2018, ore 12:00. Entro nelle cucine del ristorante Le Saint-Placide, installato all’interno dell’ex-stazione del tram di Saint-Servan. Ho appuntamento con Luc Mobihan, chef stellato di Saint-Malo.
Per la preparazione del pranzo del venerdì, ci sono tutti: apprendisti, assistente, pasticciere, camerieri, lavapiatti…
Tutti al loro posto, tutti concentrati sulla loro missione, si dedicano con precisione e rigore al proprio compito prima dell’inizio del servizio, per deliziare le papille dei clienti.

Ore 12:30. Le prime portate sono richieste dalla sala: «Possiamo inviare gli antipasti», «Sì, chef!».
Mi sono appostata in una posizione privilegiata per osservare queste tecniche perfette, questa maestria del gusto, questi prodotti rari che compongono ogni piatto. Qui, tutto è fatto in casa; dai dolci fino al pane, lo chef e il suo staff valorizzano prodotti freschi di stagione che sono i veri protagonisti della tavola.

Lo chef mi confida la sua passione per i viaggi; lo si vede bene d’altronde nelle sue ricette, per le quali adora abbinare sapori scoperti durante le sue peregrinazioni ai nostri prodotti locali: ravioli di scampi, emulsione di spezie, coriandolo e parmigiano per una firma iodata ed esotica.
Oggi, il “Menu del mercato” prevede rana pescatrice con germogli di asparagi. Lo chef mi dice: «Voglio far piacere alle persone proponendo prodotti di qualità a un prezzo abbordabile».

Inizio a essere inebriata dagli odori e l’acquolina aumenta a dismisura nella mia bocca… Comprensivo e geniale, lo chef mi propone di assaggiare tutte le sue ricette, seduta a un tavolo solo per me!
Passo allora dall’altro lato, in sala, al centro della quale troneggia Isabelle, pronta a servire i clienti con eleganza e semplicità. Si percepisce una bella sinergia tra Luc ai fornelli e Isabelle al servizio ai tavoli.
Il festival può avere inizio: grancevola, capesante e tartufo, ravioli di scampi… poi ecco arrivare il pollack con lardo di colonnata (cotto alla perfezione) accompagnato da un risotto al sedano… sublime!

Colpo di scena: il dessert “La Délicatesse” preparato da Anne-Claire è semplicemente eccezionale, sia per la sua struttura, sia sotto il profilo del gusto: cioccolato bianco, cuore di frutto della passione, succo di mango per preparare il palato… un’esplosione di dolcezza e freschezza che è la degna conclusione di uno splendido momento. 

Il ristorante Le Saint-Placide è una destinazione imperdibile. Non posso esimermi dal suggerirvi di scoprire la talentuosa cucina di Luc Mobihan e del suo staff; ne sono certa, le vostre papille non ne usciranno deluse!

  • cla_baroudeuse_culinaire_13.jpg
  • cla_baroudeuse_culinaire_pan.jpg
  • cla_baroudeuse_culinaire_pan2.jpg
  • cla_baroudeuse_culinaire_pan3.jpg